Leggi qualche pagina
Annarosa Tonin

Ho scritto il mio nome

Collana: VentoVeneto
Anno: 2023
Nr. Pagine: 92
Isbn: 9791259971159

“Il coro dei figli delle monache ti indicherà la via, è il destino dei prescelti, coloro che sanno di dover portare a compimento una missione in un tempo preciso”. 

12,00

 

A Santa Brigida sembra non accadere mai nulla. È un piccolo paese, incuneato in una valle attraversata da Rujo, corso d’acqua dalla doppia vita: torrente fino alle ultime case coloniche ai piedi della montagna, fiume navigabile dal punto in cui il letto si allarga e costeggia il vialetto d’ingresso al cimitero. Proprio da Rujo nel 1952 giunge una bambina di cinque anni, che non conosce il suo nome e il suo cognome. Sarà Nina Bonfort, la proprietaria dell’osteria “Ai tre venti”, a darle una casa e un’identità: Angelina Bonfort. Nina e Angelina sono state “scelte” per custodire i segreti di Santa Brigida, storie di odi e vendette, di famiglie devote e assassine, di peccati secolari da scontare nel silenzio della colpa di cui nessuno deve fare il nome. Ogni cosa sembra apparentemente sopita, ma vive ancora e nella valle niente e nessuno potrà mai avere pace. Il 15 marzo 1987 Angelina, ormai quarantenne, nel corso di una festa di compleanno, comprende che un’altra bambina, Sofia, sarà scelta proprio quel giorno da Rujo e gli Spiriti della valle. Decide allora di raccontarle la sua storia. Sofia, però, si appella alla voce guida del coro delle anime senza pace, affinché la aiuti a spezzare il suo destino e realizzare il sogno di raggiungere il vero padre in Anatolia. 

 

Annarosa Tonin, è nata a Vittorio Veneto, dove vive, nel 1969. Diplomata al Liceo Classico “Marcantonio Flaminio” di Vittorio Veneto, si è laureata in Lettere Moderne all’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi di Storiografia dal titolo Per una storia della corte praghese di Rodolfo II. Gli inviati veneti (1595-1609). È stata docente di Materie Letterarie e Storia dell’Arte nelle scuole medie e superiori. Ha svolto attività giornalistica. Cura eventi culturali legati alla promozione della lettura per librerie e enti pubblici, conduce attività di ricerca archivistica storica e storiografica, scrive recensioni per riviste, coordina contributi di autori vari per pubblicazioni saggistiche. Autrice di racconti, romanzi e saggi scientifici e divulgativi, ha pubblicato: le raccolte di racconti Vento d’autunno (2011), terza classificata al Premio Kafka Italia 2012, Tele di ragno (2016), Le visitatrici (2018); i romanzi Rivelazione (2014), La scala a chiocciola (2015) e Il segreto di Alvise (2017); la raccolta di saggi divulgativi L’uomo nell’ombra. Storie d’arte, potere e società (2019). Dal 2005 numerosi racconti sono stati pubblicati in antologia con altri autori. 

 

 

Press

«La Nazione»

«Il Resto del Carlino»

«Il Giorno»

«Satis Fiction»