NovitàLeggi qualche pagina
Giacomo Bobbio

I materiali e i prodotti tipografici

Osservazioni di G. Bobbio Direttore della Tipografia del Senato
Collana: Typographica. Documenti
Anno: 2020
Nr. Pagine: 232
Isbn: 9788887007800

I materiali e i prodotti tipografici. Osservazioni di G. Bobbio Direttore della Tipografia del Senato (1880) – redatto in occasione di una Mostra di prodotti tipografici e delle relative industrie (1879, Milano). L’edizione è arricchita con 34 tavole di incisioni raffiguranti macchine e strumenti per la stampa.

16,00

Disponibile

Disponibile da fine ottobre 

 

a cura di Giuseppe Cantele
prefazione di Alessandro Corubolo

Giacomo Bobbio (Fossano 1848 – Roma 1924). Fu tipografo fin da giovanissimo e la stampa rimase il suo principale interesse e la sua professione per tutta la vita, esercitata per decenni a Firenze e a Roma con vari incarichi e responsabilità. Combattente, garibaldino, attivista politico e sindacale, Bobbio è certamente una figura di grande interesse, ben oltre l’ambito della storia della tipografia, a cui tuttavia dedicò molte perspicaci e importanti pagine.

Nel 1878 Giacomo Bobbio, direttore della Tipografia del Senato, fu inviato dal Governo all’Esposizione Universale di Parigi per aggiornarsi sui progressi delle industrie legate alla stampa, ma la manifestazione ebbe scarsa partecipazione italiana. L’anno successivo fu quindi organizzata a Milano una Mostra di prodotti tipografici e delle relative industrie che in qualche misura restituisse un quadro più veritiero e completo della produzione nazionale. Bobbio vi partecipò e ne riferì nel libro che qui ripubblichiamo: I materiali e i prodotti tipografici. Osservazioni di G. Bobbio Direttore della Tipografia del Senato (1880).
L’edizione è arricchita con 34 tavole di incisioni raffiguranti macchine e strumenti per la stampa.

 

Giacomo Bobbio – Per sapere qualcosa di più sulla vita e sull’opera di Giacomo Bobbio, si può consultare il Dizionario Biografico degli Italiani Treccani – online – ad vocem.

 

Un libro rivolto a tipografi, book designer e grafici, professori e studenti di materie del libro (grafica, bibliologia, bibliografia, storia del libro), e ai semplici appassionati di pagine che hanno fatto la storia dell’oggetto più bello e importante del mondo: il libro