Leggi qualche pagina
Basilio Luoni

I Present

Le voci della Passione
Collana: Poesia
Anno: 2022
Nr. Pagine: 148
Isbn: 9791259970565

Storia sacra e storie popolari si svolgono in questo libro, sostenendosi in delicato eppur mai precario equilibrio.

14,00

Incisioni di Giuseppe Bocelli
Premessa di Francesco Rognoni

Storia sacra e storie popolari si svolgono in questo libro, sostenendosi in delicato eppur mai precario equilibrio: la parabola dei cattivi vignaioli e quella delle vergini accorte intrecciate alla tradizione del teschio esausto di Adamo sotto il Calvario; alla leggenda della zingara che ruba uno dei chiodi destinati a crocefiggere Cristo; all’aureo miracolo della goccia del sangue di Gesù, onguent risanante l’occhio del centurione che gli ha trafitto il costato per accertarsi della sua morte; alla fantasiosa etimologia di “Tomaso” come abisso, un luogo che no se toca / el fond, che te se perdet in del scur. […] I Present è un impasto sapientissimo – non studiato, costantemente affidato all’evidenza dei sensi e della pietà umana – di crudeltà e dolcezze: rude e raffinato, aristocratico e terragno, affettuoso e impersonale.

(dalla Premessa di Francesco Rognoni)

 

Giuseppe Bocelli è nato a Cremona nel 1949 e vive a Como. Magistrato, ha da sempre coltivato la grafica e la scultura (e più recentemente anche la pittura), riscuotendo, fra gli altri, l’apprezzamento di Giovanni Testori. Ha esposto in varie gallerie a Roma, Milano, Como, Mantova, Brescia. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private, e in luoghi di culto. Con Basilio Luoni ha realizzato: El ball de la Garìgôla (1997), In cerca (2005), Sparizioni (2006) e Amor vitae amor mortis (2011).


Basilio Luoni è nato a Como il 30 maggio 1941. Vive sul lago a Lezzeno, dove dagli anni Sessanta dirige una compagnia teatrale di ‘dilettanti’, per la quale ha tradotto in lezzenese – un dialetto sorprendente per “la sua arcaicità, espressiva e preziosa” (Isella) – commedie di Molière, Regnard, Beaumarchais, Aristofane, Plauto, Čechov, Puškin. Ha scritto i ‘misteri’ El Natal (presentazione di Gianfranco Ravasi, 1994) e La Pasqua (2016), e una rivisitazione drammatica dell’Odissea: El Baloss (2022), più volte rappresentati a Lezzeno e a Bellagio. Anticipato da Dante Isella sull’Almanacco dello Specchio (1993), il suo romanzo in versi El librô di figur è uscito in forma integrale nel 2015. In italiano ha tradotto e annotato varie opere, fra cui Les Tragiques di Théodore Agrippa d’Aubigné e una scelta di fiabe del Cabinet des Fées (Rizzoli). È impegnato nella compilazione de I termen de Lescen, un vocabolario del dialetto lezzenese di cui sono usciti i primi tre quaderni (in copertina, acqueforti di Giuseppe Bocelli).

 

PRESS

«La Provincia di Como»

«Avvenire»

«il Settimanale»

«La Provincia di Sondrio»