Leggi qualche pagina
Alessandro Santero, Sergio Polano

Olivetti

90 anni di grafica industriale
Collana: arti e design
Anno: 2022
Nr. Pagine: 240
Isbn: 9791259970701

Questo libro raccoglie e descrive per la prima volta oltre 200 immagini di materiale pubblicitario e grafico originale del ‘prodotto Olivetti’ realizzato in circa novant’anni di storia aziendale.

50,00

Acquistabile in prevendita, in libreria dal 3 novembre

 

Quella sorta di ‘utopia umanistica’ che ha accompagnato intrinsecamente le vicende aziendali della Olivetti e di Adriano Olivetti è un fenomeno di originalità esemplare nella storia italiana del Novecento, dove il coinvolgimento nelle strategie d’impresa delle migliori energie culturali del nostro paese ha agito su fronti molteplici, realizzando un lascito su cui c’è ancora molto da ricercare e riflettere. Questo libro raccoglie e descrive per la prima volta oltre 200 immagini di materiale pubblicitario e grafico originale del ‘prodotto Olivetti’ realizzato in circa novant’anni di storia aziendale; una documentazione rara e preziosa, proveniente da archivi e collezioni private, che ricostruisce questo aspetto così identitario dell’azienda in un affascinante continuum visivo. Un ‘album Olivetti’ di progetti, disegni, manifesti, opuscoli, carte intestate e tutta la varietà di opere e di materiale cartaceo a cui Olivetti affidò la ‘comunicazione’ dell’azienda, realizzati da ingegneri come Camillo Olivetti stesso, Mario Tchou, Pier Giorgio Perotto, Natale Cappellaro, Giuseppe Beccio, architetti e designer come Marcello Nizzoli, Luigi Figini e Gino Pollini, Ettore Sottsass o Carlo Scarpa, grafici come Bruno Munari, Erberto Carboni, Giovanni Pintori, Albe Steiner, Walter Ballmer, e con testi di autori come Elio Vittorini, Leonardo Sinisgalli e Franco Fortini. Il volume si apre con un saggio di Sergio Polano sul design del prodotto Olivetti, e le riproduzioni dei singoli pezzi illustrati sono corredate di ampie schede critiche e bibliografiche curate da Alessandro Santero.

Dobbiamo far bene le cose e farlo sapere. Adriano Olivetti