Leggi qualche pagina
Nicoletta Bidoia

Scena muta

Collana: Qui e altrove. Manifesti di poesia contemporanea
Anno: 2020
Nr. Pagine: 76
Isbn: 9788894911534

12,00 9,60

VersioneEbook

Se acquistato con Il grande spettacolo di guardare in alto, una sorpresa…”in versi”!

Finalista al Premio di Poesia Città di Legnano – Giuseppe Tirinnanzi 2020

Finalista al Premio Montano 2020

Introduzione di Alberto Cellotto

Sulla soglia del frontespizio c’è un titolo che precipita nell’afasia e nel silenzio: in queste zone, del resto, un componimento poetico prende avvio e in queste è continuamente ricacciato. Il titolo del quinto libro di poesia di Nicoletta Bidoia smaschera la contraddizione e l’esitazione che tutto plasma: la partenza, in poesia come in una musica o a teatro, è sempre silenzio e mutismo. Pensiamo, esemplificando, alla fatica sovraumana che fa l’attacco dell’Incompiuta di Schubert per fuoriuscire dal silenzio. Pensiamo soprattutto a quanto dicono i versi di Massimo Ferretti, richiamati a un certo punto quale constatazione e dilemma e a conferma di un’aporia originaria: ricorrere alla parola scritta quando si vorrebbe unicamente ballare. (dall’introduzione di Alberto Cellotto)

 

Quando finirà

questo secolo lungo di ghiacci

e novene, l’irrigidirsi dei propositi

che cristallizzano col fiato?

 

Ci chiediamo se sia del bianco

l’invenzione dell’eterno.

 

Nicoletta Bidoia (Treviso, 1968) ha pubblicato i libri di poesia Alla fontana che dà albe (2002), Verso il tuo nome (2005, con prefazione di Alda Merini), L’obbedienza (2008, con prefazione di Isabella Panfido) editi da Lietocolle e Come i coralli (2014) con La Vita Felice. Nel 2013 è uscito il libro di narrativa Vivi. Ultime notizie di Luciano D. per le edizioni La Gru. Ha ideato e realizzato gli spettacoli Un piccolo miracolo, insieme alla cantautrice Laura Mars Rebuttini, e Sotto terra sopra un prato, col cantautore Gerardo Pozzi. Compone collage e teatrini di carta.

Sulla soglia del frontespizio c'è un titolo che precipita nell'afasia e nel silenzio: in queste zone, del resto, un componimento poetico prende avvio e in queste è continuamente ricacciato.