Leggi qualche pagina
Vito Santin

Te’l gnentintut de le parole

(Nel quasi niente delle parole)
Collana: Qui e altrove. Manifesti di poesia contemporanea
Anno: 2019
Nr. Pagine: 130
Isbn: 9788894911527

Predisposto al bello e all’ostinata ricerca della perfezione, Vito Santin cerca e trova una sua strada dopo anni di lavoro consapevole, ma non pubblica, non si fa largo, lascia piuttosto che l’igneo e il tellurico, appreso meditando gli altri, attraversi il suo carattere schivo e appartato fino a trovar luce. La scelta del dialetto è quasi un obbligo, vista la profondità con cui ama la sua piccola patria, Scomigo, frazione collinare di Conegliano, posta a confine tra l’ex città industriale e i territori di Vittorio Veneto. Non un salto nel buio, ma il passaggio dalle umiltà dell’argilla lavorata in precedenza, a quelle della lingua contadina ceramizzata in versi splendenti, come in questi 686 che ora – divisi in dieci sezioni – emergono sorgivi sul bianco della pagina.

 

12,00 9,60

Disponibile

VersioneEbook

Introduzione di Luciano Caniato

 

Predisposto al bello e all’ostinata ricerca della perfezione, Vito Santin cerca e trova una sua strada dopo anni di lavoro consapevole, ma non pubblica, non si fa largo, lascia piuttosto che l’igneo e il tellurico, appreso meditando gli altri, attraversi il suo carattere schivo e appartato fino a trovar luce. La scelta del dialetto è quasi un obbligo, vista la profondità con cui ama la sua piccola patria, Scomigo, frazione collinare di Conegliano, posta a confine tra l’ex città industriale e i territori di Vittorio Veneto. Non un salto nel buio, ma il passaggio dalle umiltà dell’argilla lavorata in precedenza, a quelle della lingua contadina ceramizzata in versi splendenti, come in questi 686 che ora – divisi in dieci sezioni – emergono sorgivi sul bianco della pagina.

(dall’introduzione di Luciano Caniato).

Vej de oro

Al ciel destira vej de oro

su’l mòj de la tera

drìo ‘n piover ustinà –

sote ‘l vel l’erba se ingàla

e mena i but

but dapartut – che bùliga…

– Sote sote sotetera

nase i putin e la poiṡia

 

Veli d’oro Il cielo dispiega veli d’oro / sulla terra bagnata / dopo un piovere ostinato – // sotto il velo l’erba si inebria /e crescono i germogli / germogli dappertutto – che brulicano… // – Sotto sotto sottoterra / nascono i bambini e la poesia

 

Vito Santin È nato a Conegliano, Treviso, nel 1950. Vive a Scomigo, frazione collinare del coneglianese. Ha insegnato Educazione Tecnica nella Scuola Media Statale, e fin da giovanissimo ha plasmato l’argilla, creando bassorilievi e ceramiche (1960-1986). Te’ l gnentintut de le parole è il suo primo libro di poesia.

Menzione di merito all'XI Edizione del Premio internazionale di poesia Don Luigi Di Liegro, presieduta da Manuel Cohen.